Consigli per la Sicurezza

Per un utilizzo sicuro dell’impianto gas si elencano alcune buone regole da seguire:

Ricorda sempre di chiudere il rubinetto generale del gas quando non sei a casa!

  • Lo scarico dei fumi e la canna fumaria

    Per garantire l’utilizzo sicuro di apparecchi a gas per i quali è previsto lo scarico dei fumi (prodotti della combustione del gas), è indispensabile una buona aerazione dei locali ed un efficiente scarico all’esterno (preferibilmente in canna fumaria); Lo scarico diretto nell’atmosfera è consentito solo in casi particolari laddove, negli edifici esistenti, non si possano rispettare i regolamenti comunali che prevedono lo scarico dei fumi oltre il tetto. E’ comunque necessario che l’impianto rispetti le normative vigenti. Per una corretta installazione è opportuno rivolgersi sempre a personale qualificato; Tipo e dimensioni della canna fumaria devono rispettare le norme UNI-CIG. Non basta però installarla secondo le norme vigenti: la canna fumaria, quando è ostruita o non perfettamente pulita diventa molto pericolosa: rilascia particelle solide che inquinano l’aria all’interno dell’abitazione. Ricorda quindi di sottoporla a controlli periodici ad opera di personale specializzato.

  • Il tubo del gas

    Il tubo del gas deve essere in gomma e collegato alla cucina e al rubinetto porta-gomma con fascette metalliche deve avere una lunghezza compresa tra 40 e 150 centimetri deve essere marchiato ogni 40 centimetri con

    * il nome e la sigla del fabbricante

    * l’anno limite di impiego

    * le misure del diametro interno

    * il riferimento alla norma UNI-CIG

    E’ opportuno verificare periodicamente l’integrità del tubo di gomma e sostituirlo appena comincia a usurarsi, e in ogni caso non oltre la data di scadenza indicata E’ necessario controllare che non sia a contatto con nessuna fonte di calore e che non abbia “strozzature”. Se l’impianto di cottura è ad incasso il tubo deve essere di metallo e non di gomma.

  • I bruciatori

    E’ importante mantenere sempre puliti i bruciatori. Un bruciatore non perfettamente pulito aumenta i consumi e può essere causa di pericolo. Un colore non azzurro della fiamma e l’annerimento delle pentole sono indicatori che la combustione non è ben regolata e può produrre gas nocivi. Le pentole che contengono liquidi in ebollizione non vanno mai dimenticate sul gas, soprattutto quando hanno il coperchio. I liquidi possono traboccare e spegnere la fiamma, mentre il gas continuando ad uscire dal bruciatore e accumulandosi nel locale può provocare una situazione di grave pericolo. Importantissimo a riguardo appurare sempre, in fase di acquisto, che il piano cottura sia dotato di dispositivo di sicurezza che interrompa il gas in caso di fuoriuscita accidentale.

  • Dove posizionare la caldaia e lo scaldabagno a gas

    Per una corretta installazione è opportuno rivolgersi sempre a personale qualificato. Al momento dell’acquisto di una nuova caldaia considera che quelle a condensazione offrono risparmi anche del 20% sul consumo di metano. Solo in mancanza di soluzioni alternative è ammessa l’installazione di caldaie a gas in bagno e in camera da letto, solo se a camera stagna. L’installazione dello scaldabagno “a camera aperta” in bagno è possibile purchè si tenga conto della grandezza del locale e ci sia un’apertura fissa sufficiente secondo le norme di legge in vigore.

  • Che dimensioni devono avere le prese d’aria?

    Per garantire un utilizzo sicuro dell’impianto a gas è necessario un continuo ricambio d’aria attraverso un’apertura fissa che permetta l’ingresso d’aria dall’esterno. Questa deve avere una superficie adeguata alla potenza degli apparecchi installati, e non deve essere inferiore a 100 centimetri quadrati (pari ad un foro di diametro 12 cm). Nel caso in cui la cucina non sia dotata sul piano di cottura del dispositivo di sicurezza per assenza di fiamma, l’apertura deve essere non inferiore a 200 centimetri quadrati. Inoltre l’apertura fissa deve essere ingrandita proporzionalmente alla portata di eventuali aspiratori elettrici, i quali sottraggono aria dall’interno dei locali (Norma di riferimento: UNI 7129 – 2008).

Open chat
Hai bisogno di informazioni?