Senti odore di Gas?

Senti odore di gas? Ecco cosa NON fare:

  • Non utilizzare fiamme libere! (ad esempio non utilizzare accendini o fiammiferi per individuare il punto di fuga del gas o, di notte, per vedere dove cammini).
  • Non accendere, spegnere la luce o suonare il campanello: tutto questo provoca scintille che possono innescare un’esplosione.
  • Ti serve luce? Puoi utilizzare una torcia, ma ricorda di accenderla all’esterno dell’appartamento: anche questa può provocare scintille che, seppur piccole, potrebbero far detonare l’atmosfera esplosiva.

Senti odore di gas? Ecco cosa fare:

  • Apri subito porte e finestre per arieggiare i locali: questo diminuisce la concentrazione di gas negli ambienti e riduce o elimina il rischio di esplosioni.
  • Chiudi il rubinetto generale del gas.
  • Abbandona l’appartamento e telefona al Pronto Intervento gas: trovi il numero sulla bolletta che ricevi ogni mese.
  • Non trovi il numero? Chiama il 115 (Vigili del Fuoco) e segnala il problema: saranno loro ad allertare l’ente competente.

Lo sapevi che…

  • Una fiamma azzurra denuncia una combustione ben regolata.

Ai fini di garantire la sicurezza dell’utilizzo di gas combustibili, il DM del 16 aprile 2008 e come peraltro già la Legge n. 1083 del 06 dicembre 1971, prevede che il gas distribuito debba obbligatoriamente essere “odorizzato” in misura tale da essere percepito dall’olfatto umano ancor prima di giungere a livelli di concentrazione pericolose.

Tale processo è regolamentato dalle norme UNI 9463, 7132 e 7133 che forniscono indicazioni su composizione, proprietà, concentrazione, trasporto, utilizzo e stoccaggio.

Per odorizzazione del gas si intende l’introduzione nel gas distribuito, di per sé inodore, di una sostanza chiamata odorizzante che conferisce al gas il caratteristico odore agliaceo; tale odore consente di avvertire nell’aria la presenza del gas prima che si creino condizioni di pericolo per esplosività e tossicità.

Grazie a questo processo, l’uomo è in grado di percepirne l’odore di Gas quando la concentrazione è diecimila volte inferiore alla concentrazione volumetrica rappresentante la soglia di rischio, per esplosività e tossicità (5%).

Una fuga di gas in un ambiente domestico chiuso (accidentale o deliberatamente provocata) non causa danni immediati e diretti all’uomo, ma può provocare la formazione di una miscela aria/metano che può esplodere con gravi conseguenze sia sulle strutture che sulle persone.

Per saperne di più: it.wikipedia.org/wiki/Odorizzazione

Open chat
Hai bisogno di informazioni?